Cosa Facciamo

l’Associazione Le Rondini vuole essere garante del raggiungimento della migliore qualità di vita possibile per i malati e le loro famiglie.

ASSISTENZA:

  • Promuove la tutela e l’assistenza delle persone affette da grave disabilità;
  • Favorisce interventi terapeutici ed assistenziali finalizzati alla cure attive, alla centralità della prevenzione, alle terapie riabilitative cognitivo-motorie;

SUPPORTO:

  • Fornisce supporto fisico, psicologico, sociale e spirituale alle famiglie;
  • Comunica, informa e orienta malati e nucleo familiare sui percorsi necessari per l’attivazione dei servizi di assistenza domiciliare;
  • Sostenere il diritto della persona di rimanere a casa propria e contribuire a rendere le strutture domiciliari adeguate alle esigenze di coloro che vi abitano;
  • Sostiene la formazione dei care-giver;
  • Garantisce che la presa in carico del paziente avvenga attraverso un “Progetto di Assistenza Individuale” e che vengano mantenuti nel tempo i livelli essenziali di assistenza;

ORGANIZZA:                                                                                                                                                                                                                           

  • Iniziative e raccolta fondi a sostegno dei progetti dell’associazione, e della ricerca della varie malattie;
  • Momenti di socializzazione tra i malati e le loro famiglie

FAVORISCE:

  • La collaborazione organica con le risorse formali ed informali della comunità;

A CHI CI RIVOLGIAMO:

a)    La nostra associazione si rivolge a pazienti affetti da:
  • Patologie che, presentando un elevato livello di complessità clinica e terapeutica, richiedono continuità assistenziale da parte di una equipe professionale ed interventi programmati articolati sui 7 giorni anche per la necessità di fornire supporto alla famiglia e/o al care-giver;
  • Patologie neuro-degenerative croniche evolutive, congenite o acquisite, in qualsiasi fase clinica che necessitino di cure domiciliari ad elevata intensità;
  • Pazienti con necessità di supporto ventilatorio invasivo o non invasivo;
  • Pazienti in stato di coma o con gravi deterioramenti cognitivi;
  • Pazienti affetti da gravi patologie croniche in labile compenso ed elevato rischio di riacutizzazione;
  • Pazienti che necessitano di nutrizione artificiale Enterale o Parenterale, continua o discontinua;
  • Pazienti che richiedano trattamenti antalgici;
  • Pazienti in fase terminale di malattia che necessitano di “cure Palliative”.